Articoli condivisi, Guide, Internet of Things, Notizie Business, Prevenzione, Tecnologie

FOSSIMO VELOCI IN TUTTO,COME LO SIAMO A LAMENTARCI

In questi giorni non si fa altro che parlare della classifica europea in cui sono stati stilati i conti in riferimento alle velocità medie delle infrastrutture internet dei vari stati.

 

PROBABILMENTE SU NEWS E SOCIAL, TI SARA’ PASSATO DAVANTI QUESTO GRAFICO

MEDIA EUROPA INTERNET MATTEO CRACAS

 

CON IN AGGIUNTA UNA POSTILLA CHE RECITA

  • Sebbene in crescita, l’Italia scende di tre posizioni a livello mondiale (54esima posizione) e di sei posizioni a livello EMEA (28esima). La velocità media di connessione si attesta a 8,2 Mbps, con un aumento di 9,8% rispetto al trimestre precedente (Q4 2015) e del 33% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (Q1 2015).

DI CHE COSA STIAMO QUINDI PARLANDO?

Questo è uno studio che evidenzia, rispetto allo scorso semestre, come si stia evolvendo la tecnologia a banda ultra larga nei paesi della Comunità Europea, nel momento storico che è rappresentato dalla vera svolta che ci traghetterà verso una concezione di internet, che passa da un “servizio” ad una vera e propria “materia prima”, che a differenza della semplice navigazione web, della posta elettronica, del download illegale di contenuti multimediali e una “fettina” di gaming online,

ci porterà al mondo dell’IoT (se non hai la più pallida idea di che cosa sia, ti invito a leggere questo articolo), e ad una più massiva adozione del mondo del Cloud e della digitalizzazione delle Imprese (trovi qui qualche chicca).

 

MA COME ACCOLGONO I NOSTRI AMATI CONNAZIONALI, QUESTE GRAFICHE A BANDIERINE?? 

 Molto semplice… le accolgono come sono abituati a fare con la gran parte delle notizie… ossia LAMENTANDOSI!!!

FACCIAMO PIETA’!! SIAMO DIETRO LA REPUBBLICA CECA!! LO SAPPIAMO TUTTI CHE IN ITALIA INTERNET E’ PIU’ CARO CHE IN QUALSIASI ALTRO STATO!! E LE INFRASTRUTTURE FANNO SCHIFO!!

 

E QUI SUBENTRA IL MIO PENSIERO

a voi cinture nere di polemica!! ditemi un pò… a parte l’informazione sul costo rispetto agli altri stati (che tanto ovviamente avrete appreso dal vostro cognato “giramondo” che avendo fatto un addio al nubilato in Slovenia per un week end, ora è legittimato a spiegarvi com’è fatto il pianeta.. la domanda che voglio porre è:

MA QUESTA LENTEZZA DI INTERNET, IN QUALE ATTIVITA’ TI PENALIZZA REALMENTE?

Mi piacerebbe poter avere la risposta di tutti… per poter dividere le migliaia di risposte nelle seguenti categorie:

  • guardare/caricare video su Youtube
  • scaricare film da Emule/Torrent
  • vedere i film in 4K su Netflix

SCOMMETTO LA FACCIA,CHE OLTRE L’85% DELLE UTENZE CONSUMER/SOHO NON AVREBBE ALTRE OBIEZIONI DA FARE!!!(naturalmente mi riferisco ad aree mediamente servite, e non certo a quelle oggeto di digital divide)

DICI DI NO?? PENSI CHE STIA SMINUENDO LE ENORMI ATTITUDINI TECNOLOGICHE DEL “BEL PAESE”??

ALLORA SEGUIMI NELLA LETTURA!!!!!

CARO MIO… IN TERMINI DI APPROCCIO ALL’INNOVAZIONE (PARLO CHIARAMENTE COME MEDIA GENERALE) FACCIAMO CAGARE!!!!!

GUARDA COME CI POSIZIONIAMO NEL MONDO COME POSSESSO DI TERMINALI IN RELAZIONE AL PIL

host pil

LA NOSTRA CARA REPUBBLICA CECA, CI E’ DAVANTI DI 16 POSIZIONI!! MA NON SOLO… GUARDA CHI ALTRI!!

RITIENI FORSE CHE SIA UN DATO DI POCO CONTO? NESSUN PROBLEMA…

ECCOTI LA CLASSIFICA DEGLI STATI MEMBRI, IN CHIAVE DI INVESTIMENTO MEDIO NELLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE…

posizionamento digitalizzazione

HAI VISTO QUALI STATI… CI MASSACRANO LETTERALMENTE??

NON E’ MICA FINITA… GUARDA UN PO’ COME SI MUOVONO IN TERMINI PIU’ GENERICI, GLI INVESTIMENTI NEL MONDO DEGLI ICT

spesa ict

ALLORA NON POSSO FARE A MENO DI CHIEDERE A CHI SOSTIENE CHE IN ASSENZA DI UNA RETE A BANDA ULTRA LARGA, NON SI POSSA DAVVERO INNOVARE E RENDERE COMPETITIVO IL PAESE…

COSA FARESTI SE DA DOMANI, LA DISPONIBILITA’ DI BANDA VENISSE TRIPLICATA?

La risposta sarebbe verosimilmente… BOH..intanto dammela, poi quando ci sono gli sconti, “me la metto anch’io”!!

Perchè tanto… è così che facciamo..

Odiamo essere il fanalino di coda, ma poi quanto c’è l’opportunità, ci adagiamo sul morbido cuscino della crisi che ci obbliga a risparmiare..

Quanti clienti mi hanno detto di non riuscire a lavorare correttamente.. e trovatagli la soluzione, non la hanno adottata perchè non si possono permettere di aumentare i costi del 20%..

MA ALLORA DI CHE COSA PARLIAMO???

STIAMO BRAVI DAI… E PIUTTOSTO ACCONTENTIAMOCI DI SAPERE COME STANNO VERAMENTE LE COSE SUL PIANO DEL RAPPORTO SERVIZIO-COSTO…

parrorto euro mega

Questa mappa evidenzia il costo medio, in rapporto alla disponibilità di banda internet, di un tipico abbonamento adsl/adsl+telefono.

Il prezzo espresso è da considerarsi al Megabit mensile.

Dunque contrariamente alle lezioni del pranzo domenicale di vostro cognato… non siamo affatto malmessi..

E’ certo vero che negli ultimi anni l’ammodernamento delle infrastrutture sia fisse che mobili, ci ha fatti passare da PAESE INNOVATORE, a TARTARUGA TECNOLOGICA, ma va considerato un aspetto importante:

E’ naturale che un paese retrogrado che dall’oggi al domani decide di avviare la creazione di una infrastruttura, lo farà usando le tecnologie del momento stesso… e questa è una delle spiegazioni per cui stati in via di sviluppo, oggi ci sorpassano..

L’italia, in modo particolare sulla rete mobile, è stata pioniera per molti anni e non a caso su questo fronte non siamo assolutamente indietro..

GUARDA PER ESEMPIO LA MAPPA DI DIFFUSIONE DELLA TELEFONIA CELLULARE DI SOLI 10 ANNI FA

cellulari 2006

Anche per le prime connettività fisse non siamo certo andati male nella storia (in fin dei conti il telefono chi lo ha inventato)??

Il problema è che da un lato, i milioni di km di rame posate 40 anni fa, non sono certo adatti a supportare tecnologie come quelle odierne… e dall’altro, la Compagnia Monopolista è stata cannibalizzata da Politici e Dirigenti nel corso del tempo, gambizzando letteralmente la possibilità di restare competitivi..

Di certo le cose stanno finalmente cambiando… i fondi per riammodernare la rete sono già stati sdoganati e quindi da qui a pochissimi anni, potremo considerare tutto ciò, PASSATO. (sperando di riuscire ad abbattere anche il digital divide).

PERO’ E’ INUTILE PIANGERE PER NON AVER ANCORA LA LAMBORGHINI, SE ABBIAMO PAURA DI FARE I 100KM/H.

E’ CERTAMENTE NECESSARIO AVERE GLI STRUMENTI “PER FARE”, MA RICORDIAMOCI CHE QUANDO LI AVREMO, DOVREMO FARE!!! 

Fortunatamente non è vero che la nostra avversità all’ammodernamento sia uno standard.. (in fondo si parla sempre di medie)

infatti ho spesso la fortuna di seguire Aziende e Imprenditori che questo tipo di limiti mentali (di altro non si tratta) non ne hanno affatto ed anzi, sono pronti a sposare innovazione e cambiamento, nell’istante in cui si rendono conto che questo corrisponde ad un concreto beneficio (uno sfogo in questo senso lo trovi qui), ma trattandosi di media, vuol sempre e comunque dire che abbiamo davvero tanta strada da fare..

RICORDATI CHE SE HAI CONCORRENZA IN UNO STATO ESTERO PROPENSO ALL’INNOVAZIONE, POTRESTI DOVERTI TROVARE UN DOMANI A COMPETERVI…

QUINDI VEDI TU!!!

Commenta